HOME

Mediare è qualcosa che tutti noi facciamo in ogni momento della nostra vita. Poiché la vita è relazione con gli altri, è inevitabile che a volte i nostri interessi siano in conflitto con quelli dei nostri vicini, dei nostri colleghi, dei nostri clienti o fornitori, dei nostri concorrenti e, persino, dei nostri parenti e familiari. Questo accade ogni giorno, ma raramente si arriva alla lite o, peggio, alla causa in Tribunale.

Per questi motivi, è stata introdotta con il d.lgs. 4 marzo 2010, n. 28 e s.m., la mediazione in quale l’obiettivo principale è la riduzione del flusso in ingresso di nuove cause nel sistema Giustizia, offrendo al cittadino uno strumento più semplice e veloce per risolvere le controversie con tempi molto brevi (oggi non oltre 3 mesi) e costi molto contenuti e certi.
La mediazione è l’attività professionale svolta da un terzo, il mediatore,  finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.
In pratica, nella mediazione due o più parti, che devono essere assistite dai rispettivi avvocati, si incontrano presso un Organismo di Mediazione accreditato dal Ministero della Giustizia per cercare un accordo attraverso il fondamentale intervento del Mediatore Professionista, che si è accuratamente formato e preparato per aiutare le parti a incontrarsi e a trovare una soluzione conveniente per entrambe.

La mediazione è condizione di procedibilità (ovvero deve essere obbligatoriamente e preliminarmente tentata prima di poter andare in giudizio) nei casi di una controversia in materia di:
• diritti reali (proprietà , usufrutto , usucapione , compravendite immobiliari ecc.);
• divisione e successioni ereditarie;
• patti di famiglia;
• locazione e comodato;
• affitto di aziende;
• risarcimento danni da responsabilità medica e sanitaria;
• diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità;
• contratti assicurativi, bancari e finanziari;
• condominio;
• Risarcimento del danno da diffamazione a mezzo stampa.

Esperire un tentativo di conciliazione è inoltre obbligatorio quando la mediazione è demandata da un giudice.

Adesso se vi ponete la domanda se la mediazione conviene o no, la risposta è si!

La nostra Giustizia civile, con circa 5 milioni di cause civili arretrate, ha fatto precipitare l’Italia al 157° posto (su 180) della classifica mondiale sull’efficienza del sistema giudiziario per la definizione delle controversie civili e commerciali
Oggi, pur essendo solo all'inizio, grazie alla mediazione civile la situazione è migliorata e l'Italia ha scalato una ventina di posti nella classifica, risolvendo in tempi rapidissimi le controversie di decine e decine di migliaia di cittadini e imprese.

La mediazione costituisce la migliore e unica alternativa alle lunghe e costosissime cause in Tribunale, dove spesso, dopo anni di udienze, tutti si sentono sconfitti e nessuno vincitore.

Infatti, i principali vantaggi della mediazione sono:
La mediazione è rapida, con tempi massimi di 3 mesi contro una media di 10 anni per giungere a una sentenza definitiva in un giudizio civile.
La mediazione è economica, con spese di gran lunga inferiori a quelle necessarie per un giudizio civile, fra spese di giudizio, onorari, perizie, consulenze e, soprattutto, costi occulti dovuti agli anni di attesa.
La mediazione è positiva, promuovendo il dialogo e permettendo di mantenere rapporti positivi con l'altra parte (un'azienda eviterà di perdere un cliente, un condomino eviterà di compromettere i rapporti di buon vicinato, ecc.).

Inoltre, Ai sensi dell’art. 20, comma 1 del D.Lgs. 28/2010, alle parti che corrispondono l'indennità di mediazione è riconosciuto, nel caso di successo della mediazione, un credito d'imposta commisurato all'indennità versata, fino a euro 500,00; nel caso di insuccesso della mediazione il credito d'imposta è ridotto della metà.

Invece in caso, di mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione il giudice condanna la parte costituita che, nei casi previsti dall'art. 5, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo.
Inoltre, il giudice potrà valutare tale comportamento come violazione del dovere di lealtà e probità delle parti e condannarle alle spese, anche qualora risultassero vincitrici nel giudizio, ai sensi dell'art. 92 del codice di procedura civile.

 Il Nostro Organismo, MEDI CONSULTING nasce nel 2010, per venire incontro alla crescente esigenza del cittadino, ormai stanco dei tempi biblici della giustizia ordinaria, di trovare la migliore soluzione possibile alla congestione dell’odierno contenzioso giudiziario, offrendo un servizio innovativo e alternativo, al fine di risolvere un conflitto tra soggetti pubblici e privati, imprese o persone fisiche.

Essa è un Organismo di mediazione, indipendente e neutrale, specializzato nella risoluzione delle controversie in ambito nazionale ed internazionale, iscritto al n. 245 del registro degli organismi deputati a gestire procedure di mediazione finalizzati alla conciliazione, in forza delle disposizioni di cui all'art. 20, comma 3 D.M. 180/10 - PDG del 18 aprile 2011.

E’ una società composta e collaborata da liberi professionisti, operanti da anni nell’ambito giuridico-economico che promuove lo sviluppo la gestione e l’applicazione di tutte le tecniche e procedure di prevenzione e risoluzione alternative delle controversie, capace di offrire, quando possibile, soluzioni più spedite, agevoli ed economiche alla definizione delle liti, anche per consentire la riduzione del contenzioso giurisdizionale, in conformità ai precetti costituzionali, in linea ed in ossequio alla normativa vigente. I nostri mediatori, esperti in materia giuridica, economica, finanziaria, bancaria e societaria, prestano la loro pluriennale esperienza nel settore della ADR, nella negoziazione e nella consulenza per fornire soluzioni efficaci per la risoluzione del conflitto nel rispetto degli interessi e delle esigenze delle parti.

Il nostro obbiettivo è aiutarvi, ed è per questo che la MEDI CONSULTING si propone come un centro altamente qualificato per la gestione alternativa delle controversie (Alternative Dispute Resolution, ADR), al servizio della pubblica amministrazione e dei cittadini, al fine di realizzare quella che, in buona sostanza, la nuova Costituzione Europea ha definito la buona amministrazione.

Pertanto, se avete bisogno di noi, NOI SIAMO QUI.

MEDI CONSULTING

LA GARANZIA DI UN TITOLO ESECUTIVO IN 90 GIORNI

Medi-consulting - email: mediconsultingsrl@legalmail.it